Attaccare le forniture di denaro per combattere i contenuti illeciti online?

Cédric Manara : Internet ha determinato una crescita economica e la nascita di nuove forme di interazione sociale e di rivoluzione politica.

Auteur(s) :

Cedric Manara

Professore, EDHEC Business SchoolLegalEdhec Research Centre

Présentation :

Tuttavia, Internet è stato anche il luogo dove si sono diffuse nuove forme di truffe e di violazione dei diritti. Tagliare ogni forma di finanziamento ai soggetti che caricano o sfruttano contenuti in modo illegale e con finalità lucrative, potrebbe essere un mezzo efficace per combattere la diffusione delle loro attività. Nuove forme di tutela sono già state apprestate per combattere le truffe online. Queste forme di tutela hanno in comune l’obiettivo di aggredite i profitti realizzati dai truffatori per mezzo delle loro attività illecite. Questi meccanismi sono stati il risultato, da un lato, di un processo di autoregolamentazione – si pensi, ad esempio, alla battaglia contro la pratica fraudolenta degli errori di battitura nella digitazione dei nomi di dominio – ovvero di interventi legislativi – come quelli previsti negli Stati Uniti per contrastate il gioco d’azzardo online illegale. Ci sono due forme principali di introiti ottenuti dalle attività illecite via Internet: denaro pagato direttamente ai fornitori di servizi e denaro pagato indirettamente attraverso forme di monetizzazione. Occorre distinguere gli introiti diretti da quelli indiretti nell’analizzare la possibilità di attaccare i circuiti finanziari che avvantaggiano i soggetti coinvolti in attività illecite. Sembra che l’identificazione di un pagamento compiuto attraverso questi intermediari, un pagamento di cui beneficia uno specifico soggetto, noto o ignoto, e che gestisce attività illecite online, dovrebbe condurre alla sospensione del pagamento laddove sia possibile stabilire che esso favorisce quest’attività o determina un vantaggio patrimoniale alla persona che si nasconde dietro l’attività stessa. Un soggetto che si rende conto che un’attività illecita costituisce una violazione, totale o parziale, dei propri diritti dovrebbe segnalare tale violazione all’intermediario o agli intermediari cui ricorrono i truffatori per ottenere i pagamenti. Questi intermediari dovrebbero, quindi, porre in essere una o più misure, come sospendere i pagamenti ai gestori di siti all’interno dei quali sono gestite attività illecite nel caso in cui sia chiaro il beneficiario è coinvolto nella monetizzazione di contenuti manifestamente illeciti, salvaguardando le regole del giusto processo e garantendo i diritti della persona interessata.
Pdf
Attaccare le forniture di denaro per combattere i contenuti illeciti online?...
(2.30 MB)
Type : Position paper
Date : le 10/09/2012
Complément d'informations For more information, please contact EDHEC Research and Development Department [ research@drd.edhec.edu ]
Pôle de recherche LegalEdhec

A voir également

Les Entretiens de Nice : Questions d'Education
- 12-04-2017
Le Pôle de recherche en économie poursuit ses conférences dans la cadre du second cycle...
- 04-04-2017
En 2017, l’EDHEC se distingue de nouveau comme l’école de commerce française ayant obtenu le plus de « A », avec une mention spéciale pour son excellence de l’enseignement (quatre...
Frédéric Oudéa, Directeur général de la Société Générale à la rencontre des étudiants de l’EDHEC
- 31-03-2017
La Société Générale est l'une des 3 banques du CAC 40. Son Directeur général a choisi,...
Music' All joue Black Diamond
- 31-03-2017
Fondée en 1996, Music’All est une association loi 1901 dont la vocation est de...